Guidare con una spia dell'immagine accesa

Guidare con la spia luminosa accesa

Gli automobilisti spesso continuano a guidare per qualche tempo con una luce accesa sul cruscotto. Lo guarderanno più tardi, perché devono davvero andare al lavoro o al negozio. Questo modo di pensare può avere grandi conseguenze se un incidente è poi causato da un problema che era indicato sul cruscotto.

La corte si è pronunciata su una situazione del genere.[1] Un breve schizzo della situazione. L'accusato è andato al suo lavoro per raccogliere alcuni tavoli da bar per un barbecue. Mentre tornava indietro lungo l'autostrada, il suo volante cominciò a vibrare. Prima che se ne rendesse conto, era fermo nella corsia di sinistra. Ha cercato di avvertire gli altri utenti della strada dalla barriera di sicurezza. Anche le sue luci di emergenza erano accese. Sfortunatamente, un autista ha visto troppo tardi il veicolo fermo. Questo autista è volato via ed è stato espulso dall'auto, con conseguente lesione alla schiena per tutta la vita. Ciò che è emerso è che il pneumatico posteriore sinistro si era lentamente sgonfiato e che prima che ciò accadesse, è apparso un messaggio sul cruscotto e si è accesa una spia corrispondente.

È così che l'accusato è arrivato davanti al tribunale penale plurale. La corte ha considerato la questione se l'imputato fosse colpevole della sezione 6 del Road Traffic Act 1994 (WVW) o della sezione 5 del WVW. Le differenze tra le sezioni 5 e 6 del Road Traffic Act saranno brevemente discusse di seguito.

Articolo 5 del WVW

In questo articolo si legge: ''È vietato a chiunque di comportarsi in modo tale da causare un pericolo sulla strada o di ostacolare o poter ostacolare il traffico sulla strada.''.

Articolo 6 WVW

Questo articolo criminalizza: ''.È vietato a chiunque partecipi al traffico di comportarsi in modo tale che si verifichi un incidente stradale attribuibile a lui in cui un'altra persona rimanga uccisa o subisca gravi danni fisici o lesioni fisiche tali che si verifichi una malattia temporanea o che quella persona sia impossibilitata a impegnarsi in attività normali.''.

L'articolo 6 del WVW contiene un reato più grave. Per soddisfare la descrizione del reato nel codice penale olandese, l'incidente stradale deve essere colpa dell'utente della strada. Inoltre, un sospettato deve essere anche responsabile delle conseguenze dell'incidente stradale (lesioni o morte). Nell'articolo 5 della legge sul traffico stradale, solo un certo tipo di comportamento è stato reso punibile. Non è necessario provare la colpa di aver causato una certa conseguenza. Nell'articolo 5 della WVW, la colpa non è inclusa nella descrizione del reato. In questo caso, la colpa non deve essere provata, ma si presume che sia presente. Infatti, si presume che se la descrizione del reato è soddisfatta, c'è anche (un certo grado di) colpevolezza. Un sospettato può quindi invocare un motivo di esclusione della colpevolezza (che è una difesa che può essere avanzata e che, se accettata, porterà all'archiviazione di tutti i procedimenti legali).

Sentenza della corte

Messaggio sulla pressione dei pneumatici

Il tribunale è stato il primo a pronunciarsi sul rapporto sulla pressione dei pneumatici. È stato stabilito che un messaggio è apparso nel pannello degli strumenti 21 km prima dell'incidente e che due spie gialle si sono accese. Il messaggio è stato visualizzato sullo schermo per 8 secondi e si poteva anche sentire un rumore. La corte ha stabilito che l'imputato deve aver notato la notifica.

Negligenza significativa

Successivamente, la corte ha affrontato la questione se ci fosse un caso di notevole negligenza. Per poter parlare di colpevolezza ai sensi dell'articolo 6 della legge sulla circolazione stradale, deve esserci un caso di notevole negligenza. Il messaggio sul display riguardava la pressione degli pneumatici e faceva riferimento al libretto di istruzioni. Il messaggio non implica che c'è una situazione pericolosa in cui si dovrebbe smettere immediatamente di guidare per controllare l'auto. Secondo il tribunale, l'imputato non avrebbe dovuto prevedere, sulla base dell'avvertimento, che il pneumatico si sarebbe lentamente sgonfiato e si sarebbe staccato dal cerchio e che l'auto sarebbe quindi diventata improvvisamente ingestibile e si sarebbe creata una situazione pericolosa. La corte ha anche considerato importante che le luci gialle, al contrario di quelle rosse, non indicavano un difetto tale che l'auto non poteva essere guidata per un certo tempo. Era anche importante che l'imputato non avesse notato nulla di anormale nel comportamento di guida dell'auto fino a poco prima dell'incidente. Infine, gli esperti hanno indicato che lo sgonfiamento del pneumatico non deve essere visibile fino a quando il battistrada non è stato strappato. Pertanto, l'imputato non doveva dedurre il pericolo imminente dall'avvertimento né dal comportamento di guida dell'auto.

Anche se l'imputato ha agito incautamente e ha corso un rischio non indagando immediatamente su ciò che non andava nei suoi pneumatici e non regolando la sua posizione sulla strada e la sua velocità in risposta alla notifica, non c'è spazio per concludere che significativo negligenza/inadeguatezza. Secondo la corte. Non si poteva quindi provare che l'imputato fosse punibile ai sensi dell'articolo 6 della WVW.

Pericolo

Successivamente, la corte esamina se l'accusato è punibile secondo la sezione 5 della WVW. Questa sezione rende punibile la guida pericolosa. La corte ha considerato quanto segue. L'imputato ha ignorato l'avvertimento e non ha consultato il libretto di istruzioni e successivamente controllato i suoi pneumatici. Ci si può aspettare da un utente medio della strada che, dopo un tale avvertimento, venga effettuata un'indagine in breve tempo. Secondo gli esperti, tale rapporto viene fatto quando il pneumatico ha perso 20% della sua dimensione. Se l'accusato avesse controllato i pneumatici, avrebbe potuto vedere che il pneumatico si stava sgonfiando. Avrebbe quindi potuto rendersi conto che continuare a guidare era pericoloso e prevenire l'incidente. Avrebbe potuto agire con cautela e anche evitare l'incidente guidando nella corsia di destra, vicino alla spalla dura, dopo il rapporto e regolando la sua velocità. Quando il cerchione si è staccato dal pneumatico, avrebbe potuto fermare la sua auto sulla spalla dura.

Poiché l'imputato ha ignorato l'avvertimento e ha continuato a guidare a sinistra ad alta velocità, lontano dalla spalla dura, ha causato un pericolo concreto sulla strada. Questo ha provocato un grave incidente stradale. L'imputato era punibile ai sensi dell'articolo 5 della WVW.

Gravità dell'incidente

Dal punto di vista della vittima, può risultare incomprensibile che, vista la gravità dell'incidente, non si presuma una significativa disattenzione. Tuttavia, nel 2004 la Corte Suprema[2] Si stabilisce che la negligenza sostanziale non può essere dedotta dalla gravità dell'incidente. Ciò che conta, in particolare, è se si può dedurre dal comportamento che qualcuno ha agito con molta noncuranza. Se una vittima, come risultato dell'incidente, ha solo danni alla sua auto o ha subito gravi lesioni fisiche non determina se una persona è stata negligente. La natura e la gravità del comportamento sono comunque importanti. Naturalmente fa differenza se una persona guida a 200 km all'ora su un'autostrada e provoca una collisione in cui qualcuno rimane ucciso o se guida a 120 km all'ora.

Conclusione

Date le circostanze, l'imputato non doveva prevedere che il pneumatico si sarebbe sgonfiato e si sarebbe staccato dal cerchione, creando così una situazione di traffico pericolosa. Non doveva supporre che non poteva guidare oltre. Tuttavia, secondo la corte, non consultando il libretto di istruzioni poco dopo l'avvertimento, non riducendo la sua velocità e non spostandosi sulla corsia di destra, ha mostrato un comportamento di guida pericoloso. Ignorare una spia (gialla) è quindi considerato pericoloso in queste circostanze.

L'accusato ha "solo" ignorato una notifica non controllando i suoi pneumatici e rallentando e guidando sulla corsia di destra. Non ha fatto nessuna manovra strana o inaspettata. Si tratta di comportamenti che vengono subito in mente quando si considera un comportamento di guida pericoloso, come il sorpasso quando l'automobilista non ha una panoramica sufficiente. Tuttavia, secondo il tribunale, questo comportamento rientra anche nella condotta di guida pericolosa.

[1] Rb. Den Haag 31 luglio 2019, ECLI:NL:RBDHA:2019:7919.

[2] HR 1 giugno 2004, ECLI:NL:HR:2004:AO5822.

Condividi con

Iniziare a digitare e premere Invio per effettuare la ricerca

sito Verkeer.site