Obblighi / Cooperazione

Nell'ambito dell'applicazione del Road Traffic Act e dell'individuazione delle infrazioni al Road Traffic Act, l'agente investigativo può ordinare a lei, conducente di un veicolo, di collaborare a un controllo dell'alcol. Siete obbligati a collaborare. Se si tratta di un'analisi dell'alito, questa può essere ordinata solo se c'è un sospetto. Pertanto, se non avete bevuto alcolici, ma avete mostrato un comportamento di guida così anormale che siete sospettati di guidare sotto l'influenza, siete ancora obbligati a cooperare con l'analisi dell'alito.

Se non c'è ancora un sospetto, il conducente di ogni veicolo, la persona che sta per guidare un veicolo a motore e la scorta sono obbligati a cooperare con un test preliminare del respiro. Sono i test dell'etilometro, per esempio, durante i controlli su larga scala. A differenza dell'analisi dell'alito basata sul sospetto, questa non avviene di solito alla stazione di polizia. Se non avete bevuto alcolici e non avete mostrato alcun comportamento anomalo alla guida, potreste comunque essere tenuti a respirare. (Articolo 160 paragrafo 5 sub b WVW).

Se siete sospettati di guidare (alla guida di qualsiasi veicolo) sotto l'influenza di più alcool del consentito, potete essere fermati con il vostro veicolo. Se l'agente investigativo ordina a lei, conducente di un veicolo, di cooperare in un controllo dell'alcol sulla base di un sospetto, lei è obbligato a farlo. Questo sospetto può nascere, per esempio, dai risultati del test preliminare del respiro. Come funziona un controllo dell'alcol basato sul sospetto?

  • Certificati di immatricolazione del veicolo ed eventualmente del rimorchio;
  • Patente di guida;
  • Se obbligatorio: certificato di idoneità professionale per i conducenti;
  • Se applicabile: decisione di concessione dell'esenzione;
  • Se richiesto: tessera per disabili.

(Articolo 160 paragrafo 1 del WVW)

obblighi di cooperazione

1. Inizialmente, l'agente investigativo può solo ordinarvi di collaborare all'analisi dell'alito. A questo punto è necessario soffiare nel dispositivo.

2. Se, per ragioni mediche, non è possibile richiedere l'etilometro, o se la collaborazione dell'indagato non consente di completare il test dell'etilometro, o se vi è il sospetto che l'indagato sia sotto l'effetto di determinate droghe o di una combinazione di droghe e alcol, l'agente investigativo può richiedere l'autorizzazione a effettuare un esame del sangue.

3. Se il consenso non viene dato, una persona autorizzata, spesso il procuratore (aggiunto), può ordinare all'indagato di collaborare all'analisi del sangue. Il cliente è quindi obbligato a rispettare l'ordine.

4. Se non siete in grado di esprimere la vostra volontà, la quantità di sangue di cui al sesto paragrafo può essere prelevata da un medico o da un infermiere con l'autorizzazione del pubblico ministero, di un procuratore ausiliario o di uno dei funzionari di polizia nominati a tale scopo per ordine del nostro Ministro della Sicurezza e della Giustizia, a meno che non sia plausibile che ciò non sia auspicabile per ragioni mediche speciali. L'indagato deve sempre avere la possibilità di dare il proprio consenso prima. Se necessario, vi può essere ordinato di collaborare e allora siete obbligati a farlo. Se si rifiuta di collaborare, il campione di sangue verrà distrutto.

Se risulta o c'è un serio sospetto che lei abbia bevuto così tanto da aver commesso un reato, verrà redatto un rapporto ufficiale e lei sarà obbligato a consegnare la sua patente di guida all'ufficiale inquirente (sezione 164, paragrafo 1, WVW?).

Avete bisogno di un avvocato per il diritto penale del traffico?
Contattateci telefonicamente al numero +31 40 369 06 80 o inviate un'e-mail a:
Tom Meevis, avvocato presso Law & More - [email protected]
Maxim Hodak, avvocato presso Law & More - [email protected]

Iniziare a digitare e premere Invio per effettuare la ricerca

sito Verkeer.site